Stretching posturale per liberarsi dal mal di schiena

Stretching posturale, scopri i segreti che nasconde e perché é importante farlo quando hai mal di schiena, e quali sono i  benefici per la colonna vertebrale.

È piuttosto diffusa la credenza che per mantenere una schiena sana sia necessario fare molto sport, e sviluppare i muscoli addominali.

È pur vero che per avere una schiena in ottima forma, non puoi pensare di escludere il movimento dalla tua quotidianità, e credere che sia sufficiente muoversi una volta ogni tanto per stare bene. Il movimento è fondamentale ma non deve essere né troppo né poco, ma rispettare le tue esigenze, soprattutto quelle della tua schiena.

Prova per un attimo a dimenticare tutto ciò che hai sentito fin’ora riguardo agli sport più adatti per la schiena, a ciò che sai dei muscoli addominali a forma di guscio di tartaruga, che contrariamente a quello che si crede, non sono certo addominali scolpiti che ti salvano dal mal di schiena.

Ok ora che hai fatto un po’ di pulizia nella tua mente, è bene che tu sappia che una delle discipline, sfortunatamente ancora poco apprezzate, più indicate per il benessere della schiena, ma in generale per il benessere di tutte le tue articolazioni, è lo stretching posturale.

L’efficacia dello stretching posturale

Partiamo dal presupposto che, qualsiasi tipo di attività che fai ogni giorno, che sia lavorativa o altro, predispone il corpo ad assumere delle posture scorrette, che se mantenute nel tempo creano inevitabilmente degli squilibri.

A pensarci bene una delle insidie più pericolose che devi affrontare continuamente riguarda proprio la postura.

Molti tipi di lavoro costringono la colonna vertebrale a rimanere per ore in posizioni innaturali, che creano una serie di scompensi posturali e articolari, di cui difficilmente ci accorgiamo, e che possono davvero creare dei seri problemi alla schiena.

Lo stretching posturale ti aiuta a limitare i possibili danni articolari e le tensioni muscolari derivanti dagli errori posturali.

Pensa ad esempio alla posizione a sedere, che è una delle più dannose per il benessere della schiena,  che chi lavora in ufficio o in un altro luogo, deve mantenere almeno per 8 ore al giorno e anche più.

Una delle tecniche più efficaci per correggere tali squilibri, riallineare la colonna vertebrale in maniera efficace, che richiede un impegno di soli 20 minuti al giorno, e che puoi fare anche sul tappeto del tuo salotto è lo stretching posturale.
Potresti pensare che lo sport che già pratichi costantemente basti per risolvere eventuali squilibri posturali e problemi alla schiena.

In parte è vero, tuttavia dipende dal tipo di sport che fai, perché non tutte le attività sono indicate per la schiena. Il movimento aiuta sicuramente a sviluppare la muscolatura necessaria per sostenerla, ma è anche vero che il tuo corpo, non  necessita solamente di essere“potenziato”.

Avere dei muscoli tonici è forti è importante, ma spesso non risolve al 100% il mal di schiena.

Oltre a un sostegno muscolare adeguato, la tua schiena ha anche bisogno di mantenersi elastica per potersi allungare facilmente e compiere qualsiasi movimento senza stress né dolore.
Proprio per questo lo stretching, cioè l’allungamento è importante. Pensa alla tua schiena come se fosse un elastico: se lo lasci per troppo tempo fermo pian piano si danneggerà, e quando vorrai usarlo di nuovo è molto probabile che si spezzi.

Il tuo corpo è molto simile ad un elastico.

Per questo motivo lo stretching posturale rappresenta una delle tecniche più efficaci per mantenere in forma la tua schiena.

Ma ora vediamo nel dettaglio quali sono i benefici dello stretching posturale.

Stretching posturale: tutti i benefici

stretching posturale 1) OSSIGENAZIONE DEI TESSUTI E QUINDI RALLENTAMENTO DELL’ INVECCHIAMENTO.
Un maggior apporto di ossigeno ai tessuti favorisce la diminuzione dello stress ossidativo cellulare. I radicali liberi: molecole instabili e dannose, che contribuiscono all’insorgere di varie patologie e all’ invecchiamento dei tessuti, vengono eliminati più rapidamente.

2) DIMINUZIONE DEL DOLORE.
Il movimento aumenta la circolazione, quindi i muscoli sono più irrorati dal sangue. Essendo più vascolarizzati i muscoli si scaldano e l’aumento della temperatura innesca una serie di reazioni biochimiche che diminuiscono il dolore.

3) CORRETTO FUNZIONAMENTO DEI SENSORI DELLA PERCEZIONE.
Lo sport, e quindi anche lo stretching posturale stimola l’attività dei sensori propriocettivi: terminazioni nervose presenti in molte articolazioni, in particolare in quelle della colonna vertebrale. Tali sensori ti permettono di sentire l’esatta posizione del tuo corpo nello spazio, di percepire in ogni momento la tua postura e la tua posizione. Lo stretching ti aiuta quindi a essere più consapevole del tuo corpo, di notare se ci sono delle differenze nella mobilità nel carico del peso tra la parte destra e la sinistra o viceversa, e quindi di agire per appianarle.

stretching posturale 4) CONTROLLO DEL PESO
Qualsiasi attività sportiva ti fa consumare calorie. Più sei costante nel farla, più calorie il tuo corpo si abitua a bruciare, e questo vale anche se fai regolarmente stretching posturale. Non farti ingannare dal fatto che durante lo stretching i movimenti sono lenti e controllati. Anche in questi casi le calorie si consumano, perciò, otre a fare attenzione all’alimentazione, anche lo stretching posturale ti aiuta a controllare il peso.

5) DISTENSIONE DEI MUSCOLI DOPO AVER FATTO SPORT.
L’azione di “allungamento” muscolare dello stretching posturale favorisce il rilassamento dei muscoli dopo l’allenamento. Fare qualche minuto di stretching dopo aver svolto un’attività più intensa, aiuta la schiena a decontrarsi, previene eventuali dolori muscolari aumentando così i benefici dello sport.

stretching posturale 6) MANTENIMENTO DEL TESSUTO OSSEO E IDRATAZIONE DELLE CAPSULE ARTICOLARI.
Il movimento rallenta la perdita di tessuto osseo che avviene a causa dell’invecchiamento. Essendo costantemente stimolate dal moto, le ossa innescano delle reazioni biochimiche che permettono loro di generare nuovo tessuto.
Gli esercizi di stretching posturale, sono un vero toccasana per le articolazioni, i cui tessuti, in particolare le membrane che le rivestono, si rinnovano grazie all’ alternarsi delle azioni dell’allungamento/rilassamento previste dallo stretching.

7) DIMINUZIONE DELLO STRESS
Quando fai stretching, il cervello viene stimolato a produrre più endorfine: sostanze che hanno una potente azione analgesica ed eccitante, che danno un senso di appagamento e di benessere generale.

Ora che hai un quadro più completo dei benefici principali dello stretching posturale, considera  che: è adatto a tutte le età e non richiede un eccessivo impegno di tempo e nemmeno un eccessivo sforzo muscolare.
Per ottenere buoni risultati ti bastano 20 minuti al giorno, ancora meglio se lo integri ad altre attività sportive purché siano adatte alle tue possibilità.

Il rinnovamento della tua schiena, di tutte le tue articolazioni e della tua postura, è assicurato attraverso lo stretching posturale, perché non è importante solo la quantità del movimento, ma anche la qualità e il modo in cui lo fai.

Trattandosi di movimenti precisi che vengono mantenuti anche per un minuto consecutivo, lo stretching posturale favorisce la concentrazione, ti rende più consapevole sia del tuo corpo che di te stesso.

Naturalmente otterrai ottimi risultati solo se sei costante, perciò è consigliabile esercitarsi almeno 4 volte alla settimana.

Che aspetti quindi a iniziare?


Il mal di schiena ti tormenta?

Scopri subito quali sono i 5 errori da evitare: